INDUSTRIA 4.0 Chiarimenti su interconnessione, beni agevolabili e perizie giurate

INDUSTRIA 4.0 -IPERAMMORTAMENTO 

Chiarimenti dal MiSE su interconnessione, beni agevolabili e perizie giurate

 

Con la circolare n. 177355/2018 del 23 maggio scorso, il Ministero dello Sviluppo Economico ha chiarito quali siano i requisiti necessari per beneficiare dell'iperammortamento.

Il provvedimento - che riportiamo in allegato - contiene alcune indicazioni sui beni agevolabili e le modalità per soddisfare il requisito di integrazione automatizzata con il sistema logistico dell'impresa.

1) Per alcuni beni ricompresi nella voce “macchine, anche motrici e operatrici, strumenti e dispositivi per il carico e lo scarico, la movimentazione…” (allegato A, primo gruppo-punto 11), si precisa che la caratteristica di guida automatica e semiautomatica debba intendersi necessaria soltanto per i beni qualificabili come "macchine mobili".

2) Al secondo punto si chiarisce anche l'applicabilità dell’iper ammortamento per i “Distributori automatici di prodotti finiti e/o per la somministrazione di alimenti e bevande”.

3) In merito all'esclusione dall’ambito oggettivo dei fabbricati e delle costruzioni, si offrono ulteriori chiarimenti in materia di “silos dotati di attrezzatura sensoristica”.

4) Macchine di lavaggio, disinfezione e sterilizzazione di dispositivi medici impiegate nel settore sanitario (allegato A primo gruppo-punto 7)

A seguire, la circolare offre ulteriori indicazioni e chiarimenti:

  • riguardo ai “Sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità”, in materia di “componenti, sistemi e soluzioni intelligenti per la gestione, l’utilizzo efficiente e il monitoraggio dei consumi energetici e idrici e per la riduzione delle emissioni” (allegato A secondo gruppo-punto 8).
  • riguardo al trattamento ai fini dell’iper ammortamento degli impianti tecnici di servizio agli impianti produttivi
  • in materia di attrezzature/utensili costituenti dotazione ordinaria del bene agevolabile
  • in materia di classificazione degli impianti di trattamento per la depurazione preliminare allo scarico delle acque reflue
  • in merito alla corretta classificazione nell’ambito dell’allegato A dei “sistemi di additivazione di sostanze pericolose” impiegati al fine di evitare il contatto diretto del lavoratore con dette sostanze

Inoltre, in via indiretta il documento offre indicazioni sull'obbligo di data certa per le perizie giurate e per le autocertificazioni prodotte dall'impresa possibili nel caso di investimenti inferiori ai 500mila euro. A ciò si aggiungono alcune precisazioni sull'obbligo di conservare l'interconnessione del bene anche nei periodi di imposta successivi a quelli in cui il bene viene interconnesso. 

Infine, in base alla circolare, le imprese che in via prudenziale non hanno beneficiato dell'iperammortamento per gli investimenti, e che invece risultano ammissibili, possono recuperare la quota di iperammortamento. Il documento di prassi si riferisce ai beni acquistati e messi in funzione nel corso del 2017, la cui quota di iperammortamento può essere recuperata a partire dal 2018 secondo il meccanismo chiarito nella circolare n. 4/E/2017.

Per informazioni rivolgersi all'Associazione degli Industriali della Sardegna Centrale
Referente: Francesca Puddu - Comunicazione Associativa
Telefono: 0784 233311
Fax: 0784 233301
E-mail: f.puddu@assindnu.it
Modifica Visualizzazione: Mobile Version | Standard Version