Innovazione | Italia Oggi Sette | Startup e PMI innovative - Informazioni su agevolazioni

START UP E PMI INNOVATIVE: PRINCIPALI NOVITA’ E AGEVOLAZIONI

alla luce della legge del 24 marzo 2015 n.33

Le start up innovative sono società che per il legislatore devono possedere determinati requisiti soggettivi e devono contenere nell’oggetto sociale in modo esclusivo o prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

Con la legge del 24 marzo 2015 n.33 il legislatore ha introdotto importanti novità nella disciplina:

  • La società puo’ essere considerata start-up innovativa fino a 60 mesi dalla sua costituzione, potendo così godere delle agevolazioni previste;
  • Esteso a 5 anni, il periodo massimo di esonero dal pagamento dell’imposta di bollo e dei diritti di segreteria dovuti per gli adempimenti di iscrizione al registro delle imprese, esonero del pagamento diritto annuale camerale.
  • Costituzione della società con firma digitale senza atto notarile. L’atto costitutivo e le successive modifiche societarie possono essere redatte con atto pubblico o con atto sottoscritto con firma digitale.
  • Innalzamento della soglia da 15.000 a 50.000
  • Agevolazioni: Per i soggetti passivi IRPEF, possibilità di usufruire della detrazione del 19% della somma investita nel capitale sociale di una o piu’ start up innovative. L’investimento detraibile non puo’ eccedere 500 mila euro a periodo di imposta e deve essere mantenuto per due anni. Se gli investimenti riguardano l’acquisto di beni che sviluppano e commercializzano prodotti e servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico la detrazione sale al 25%.

Gli investimenti agevolabili sono quelli diretti ed indiretti (intermediari qualificati) sono conferimenti in denaro effettuati in sede di costituzione della star up sia in aumento di capitale sociale, conversione di obbligazioni in azioni.

L’agevolazione è riconosciuta per gli investimenti realizzati nei periodi 2013, 2014, 2015, 2016.

Sono indicate le condizioni specifiche per cui si possono ricevere i contributi.

Agevolazioni riservate ESLUSIVAMENTE alle start up innovative

-          Esenzioni dai diritti camerali

-          Disposizioni in materia di lavoro

-    Disposizioni in materia di accesso al credito d’imposta per assunzione di personale altamente qualificato

-         Disposizioni in materia di crisi di impresa e fallimento

-         Esenzione oneri di avvio

-         Compensazione crediti IVA

Le PMI innovative sono società che per il legislatore devono possedere i parametri dimensionali previsti dalla normativa europea, essere costituite sotto forma di società di capitali o cooperative, avere sede in Italia, avere la certificazione dell’ultimo bilancio a cura dei revisori contabili, non essere quotata nei mercati regolamentari, non essere iscritta al registro speciale istituito presso la  CCIAA per le start up innovative.

  • Agevolazioni: deroghe al diritto societario (generali, per le PMI srl, impossibilità di creare quote che non attribuiscono diritti di voto o con diritti di voto non proporzionali alla partecipazione); b) remunerazione con strumenti finanziari, c) deroga alla disciplina delle società di comodo; d) esenzione dall’imposta di bollo, e) raccolta di capitali anche tramite portali on line; f) agevolazioni per i redditi di lavoro per amministratori, dipendenti, collaboratori(non concorre alla formazione del reddito imponibile ai fini fiscali) ma l’agevolazione è subordinata al fatto che gli strumenti finanziari o i diritti non vengono riacquistati dalle start up innovative.

Incentivi a favore di persone fisiche e giuridiche che investono nel capitale sociale delle PMI innovative:

Godono di incentivi fiscali le persone o le imprese che investono nel capitale sociale di PMI innovative attive dal almeno 7 anni. Le persone fisiche godono di detrazioni IRPEF del 19% del valore dell’investimento fino ad un massimo di euro 500 mila. Le persone giuridiche godono di agevolazioni sotto forma di deduzione dell’imponibile TRES pari al 20% della somma investita, fino ad un massimo di 1,8 milioni di euro.

Raccolta di capitali online:

Sia le Start up innovative che le PMI innovative, per acquisire risorse finanziarie occorrenti per realizzare i propri progetti imprenditoriali possono raccogliere il capitale mediante campagne on line sui portali autorizzati detti crowdfunding (raccolta di capitali da una moltitudine di soggetti)

Sono presenti nel mercato diverse tipologie di crowdfunding:

Donazione: donazione senza scopo di lucro

-        Ricompensa o premio: possibilità di scelta tra vari livelli di ricompensa o premio a scelta dell’investitore sulla base dell’entità di denaro apportate

Prestito collettivo: prestito che deve essere restituito, modalità diretta senza intermediari finanziari

P2P: piccoli risparmiatori che prestano denaro a piccole imprese

 Equity based: sottoscrizione del capitale di rischio tramite azioni da parte di una moltitudine di risparmiatori.

Al fine di una esaudiente informazione, pubblichiamo lo speciale di "Italia Oggi Sette" relativo alle Startup e alle PMI innovative con informazioni sulle procedure e sulle agevolazioni previste.

Per informazioni rivolgersi all'Associazione degli Industriali della Sardegna Centrale
Referente: Rossana Basolu
Telefono: 0784 233325
Fax: 0784 233301
E-mail: r.basolu@assindnu.it

 

START UP E PMI INNOVATIVE: PRINCIPALI NOVITA’ E AGEVOLAZIONI

alla luce della legge del 24 marzo 2015 n.33

Le start up innovative sono società che per il legislatore devono possedere determinati requisiti soggettivi e devono contenere nell’oggetto sociale in modo esclusivo o prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

Con la legge del 24 marzo 2015 n.33 il legislatore ha introdotto importanti novità nella disciplina:

·         La società puo’ essere considerata start-up innovativa fino a 60 mesi dalla sua costituzione, potendo così godere delle agevolazioni previste;

·         Esteso a 5 anni, il periodo massimo di esonero dal pagamento dell’imposta di bollo e dei diritti di segreteria dovuti per gli adempimenti di iscrizione al registro delle imprese, esonero del pagamento diritto annuale camerale.

·         Costituzione della società con firma digitale senza atto notarile. L’atto costitutivo e le successive modifiche societarie possono essere redatte con atto pubblico o con atto sottoscritto con firma digitale.

·         Innalzamento della soglia da 15.000 a 50.000 oltre la quale scatta l’obbligo di apposizione del visto di conformità per la compensazione orizzontale dei crediti IVA.

·         Agevolazioni: Per i soggetti passivi IRPEF, possibilità di usufruire della detrazione del 19% della somma investita nel capitale sociale di una o piu’ start up innovative. L’investimento detraibile non puo’ eccedere 500 mila euro a periodo di imposta e deve essere mantenuto per due anni. Se gli investimenti riguardano l’acquisto di beni che sviluppano e commercializzano prodotti e servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico la detrazione sale al 25%.

Gli investimenti agevolabili sono quelli diretti ed indiretti (intermediari qualificati) sono conferimenti in denaro effettuati in sede di costituzione della star up sia in aumento di capitale sociale, conversione di obbligazioni in azioni.

L’agevolazione è riconosciuta per gli investimenti realizzati nei periodi 2013, 2014, 2015, 2016.

Sono indicate le condizioni specifiche per cui si possono ricevere i contributi.

Agevolazioni riservate ESLUSIVAMENTE alle start up innovative

-          Esenzioni dai diritti camerali

-          Disposizioni in materia di lavoro

-          Disposizioni in materia di accesso al credito d’imposta per assunzione di personale altamente qualificato

-          Disposizioni in materia di crisi di impresa e fallimento

-          Esenzione oneri di avvio

-          Compensazione crediti IVA

Le PMI innovative sono società che per il legislatore devono possedere i parametri dimensionali previsti dalla normativa europea, essere costituite sotto forma di società di capitali o cooperative, avere sede in Italia, avere la certificazione dell’ultimo bilancio a cura dei revisori contabili, non essere quotata nei mercati regolamentari, non essere iscritta al registro speciale istituito presso la  CCIAA per le start up innovative.

·         Agevolazioni: a)deroghe al diritto societario (generali, per le PMI srl, impossibilità di creare quote che non attribuiscono diritti di voto o con diritti di voto non proporzionali alla partecipazione); b) remunerazione con strumenti finanziari, c) deroga alla disciplina delle società di comodo; d) esenzione dall’imposta di bollo, e) raccolta di capitali anche tramite portali on line; f) agevolazioni per i redditi di lavoro per amministratori, dipendenti, collaboratori(non concorre alla formazione del reddito imponibile ai fini fiscali) ma l’agevolazione è subordinata al fatto che gli strumenti finanziari o i diritti non vengono riacquistati dalle start up innovative.

Incentivi a favore di persone fisiche e giuridiche che investono nel capitale sociale delle PMI innovative:

Godono di incentivi fiscali le persone o le imprese che investono nel capitale sociale di PMI innovative attive dal almeno 7 anni. Le persone fisiche godono di detrazioni IRPEF del 19% del valore dell’investimento fino ad un massimo di euro 500 mila. Le persone giuridiche godono di agevolazioni sotto forma di deduzione dell’imponibile TRES pari al 20% della somma investita, fino ad un massimo di 1,8 milioni di euro.

Raccolta di capitali online:

Sia le Start up innovative che le PMI innovative, per acquisire risorse finanziarie occorrenti per realizzare i propri progetti imprenditoriali possono raccogliere il capitale mediante campagne on line sui portali autorizzati detti crowdfunding (raccolta di capitali da una moltitudine di soggetti)

Sono presenti nel mercato diverse tipologie di crowdfunding:

-          Donazione: donazione senza scopo di lucro

-          Ricompensa o premio: possibilità di scelta tra vari livelli di ricompensa o premio a scelta dell’investitore sulla base dell’entità di denaro apportate

-          Prestito collettivo: prestito che deve essere restituito, modalità diretta senza intermediari finanziari

-          P2P: piccoli risparmiatori che prestano denaro a piccole imprese

-          Equity based: sottoscrizione del capitale di rischio tramite azioni da parte di una moltitudine di risparmiatori.

Modifica Visualizzazione: Mobile Version | Standard Version