Start up innovative | Al via il bando Smart&Start | Domande on line dal 16 febbraio

 

START UP INNOVATIVE

Al via i finanziamenti SMART&START | Le domande on line dal 16 febbraio

 

Al via il nuovo bando Smart&Start Italia. Con la pubblicazione della Circolare del Ministero dello Sviluppo Economico, parte ufficialmente la nuova versione dell'incentivo rivolto alle start-up innovative su tutto il territorio nazionale.

Lo sportello on line per l'invio delle domande sarà attivo dalle ore 12 del 16 febbraio 2015 sul sito www.smartstart.invitalia.it.

Da questa piattaforma sarà possibile presentare le domande e i piani di impresa in forma completamente DIGITALE. Non si tratterà di un click-day, in quanto la misura verrà gestita dall'agenzia Invitalia fino a esaurimento delle risorse disponibili e l'istruttoria delle domande presentate seguirà l'ordine cronologico di arrivo.

Il nuovo bando Smart&Start ha una dotazione finanziaria di circa 200 milioni di euro ed è caratterizzato da alcune importanti novità:

  • le agevolazioni sono estese a tutte le regioni italiane e non più solo alle regioni del Mezzogiorno e alle aree del cratere Aquilano.
  • I finanziamenti sono destinati alle start-up innovative – iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese – di piccola dimensione, costituite da non più di 4 anni, ma anche alle persone fisiche che vogliono avviare una start-up innovativa.

 

I piani di impresa dovranno essere caratterizzati da un significativo contenuto tecnologico e innovativo, mirare allo sviluppo di prodotti e servizi nel campo dell'economia digitale o essere finalizzati alla valorizzazione economica dei risultati della ricerca pubblica o privata.

 

L'importo massimo finanziabile aumenta fino a 1,5 milioni di euro.

Cambia anche la tipologia di agevolazione: sarà un finanziamento a tasso zero, ossia senza interessi, che potrà arrivare fino al 70% dell'investimento totale. La percentuale massima di finanziamento potrà salire all'80% se la start-up è costituita esclusivamente da donne o da giovani sotto i 35 anni, oppure se al suo interno c'è almeno un dottore di ricerca italiano che sta lavorando all'estero. Inoltre, solo per le start-up con sede nel Mezzogiorno e nel Cratere sismico dell'Aquila, è prevista una quota (20%) di contributo a fondo perduto. Le start-up costituite da non più di 12 mesi potranno beneficiare anche di servizi specialistici di tutoring tecnico-gestionale.

Per richiedere le agevolazioni è necessario presentare domanda di accesso ad una "procedura valutativa con procedimento a sportello".

 

Le domande potranno essere presentate, esclusivamente via web, a partire dalle ore 12.00 di lunedì 16 febbraio 2015 (punto 5.2 della Circolare n. 68032).

 

Documentazione 

Alla domanda dovranno essere allegati anche una presentazione libera del progetto ed il piano d'impresa.

Il piano di impresa dovrà evidenziare gli elementi di innovazione del progetto, l'analisi del mercato e le relative strategie, gli aspetti tecnici, economici e finanziari dell'iniziativa

La documentazione utile per la presentazione della domanda sarà resa disponibile su questo sito entro il 6 febbraio 2015.

Per accedere alle agevolazioni è necessario registrarsi sulla piattaforma dedicata disponibile sul sito www.smartstart.invitalia.it entro il 6 febbraio 2015. Da qui sarà possibile compilare on line la domanda ed i relativi allegati.

La domanda e il piano di impresa dovranno essere firmati digitalmente dal legale rappresentante della società, oppure, nel caso di società non ancora costituite, dal futuro socio che si propone come "referente del progetto".

Ad ogni domanda inviata viene attribuito un protocollo elettronico.

 

Per ulteriori informazioni CLICCA QUI 

 

Per informazioni rivolgersi all'Associazione degli Industriali della Sardegna Centrale
Referente: Rossana Basolu
Telefono: 0784 233325
Fax: 0784 233301
E-mail: r.basolu@assindnu.it
Modifica Visualizzazione: Mobile Version | Standard Version