Tasse sulle imprese: l’Italia nel confronto internazionale

La tassazione sulle imprese è al 31,4%, tra le più sfavorevoli nel quadro internazionale: il dettaglio della pressione fiscale su aziende e PMI nei diversi paesi d'Europa e del mondo.

In materia di tasse sulle imprese, l'Italia appare ancora ben lontana dall'Europa e dal resto del mondo. Il divario, come gli imprenditori sanno bene, è a sfavore delle aziende nostrane, che mediamente pagano più tasse delle concorrenti straniere: secondo Confartigianato, siamo primi in Europa e tredicesimi nel mondo.

Un'altra indagine Confindustria-Deloitte registra invece un effective tax rate (pressione fiscale rispetto all'imponibile) al 58%, ben più alto di quello di partner europei come Germania (43%), Gran Bretagna (40%) o Spagna (29%). Se tuttavia si calcolano esclusivamente le tasse sulle imprese, l'Italia resta sopra la media ma non è maglia nera nella UE, come invece risulta esserlo per quanto riguarda la tassazione sul lavoro (dati Eurostat).

In allegato un'analisi comparata delle tasse sul reddito d'impresa, mettendo a confronto la situazione italiana con quella internazionale, con una breve descrizione del regime fiscale di diversi paesi, prendendo come base le tabelle Kpmg.

Per informazioni rivolgersi all'Associazione degli Industriali della Sardegna Centrale
Referente: Massimo Mereu - Comunicazione Associativa
Telefono: 0784 233311
Fax: 0784 233301
E-mail: m.mereu@assindnu.it

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Reddito impresa in Italia e nel Mondo.pdf)Il reddito d'impresa in Italia e nel Mondo533 kB
Modifica Visualizzazione: Mobile Version | Standard Version